Prodotti per pulire e lucidare l'argento

Come Pulire l'Argento: Consigli e Rimedi per Argento Splendente

Gli oggetti in argento sono belli se si presentano puliti e lucidi, ma purtroppo a contatto con l’aria tendono inevitabilmente ad ossidarsi, cioè a diventare gialli, rossastri o addirittura ad annerirsi.

Sul web ci sono mille rimedi casalinghi su come pulire l’argento (con il dentifricio, il bicarbonato, il limone, l’aceto o addirittura il ketchup) ma oltre ad essere spesso lunghi e laboriosi, hanno una durata davvero esigua, tempo qualche giorno e l’argenteria è di nuovo ingiallita. Inoltre, vi è il rischio di rovinare oggetti di valore.

L’uso di prodotti specifici per l’argento ha tre vantaggi fondamentali:

  • rispettare il metallo trattato senza rovinarlo;
  • ottenere una pulizia di lunga durata grazie alla formulazione antiossidante;
  • pulire facilmente il proprio argento.

Esistono 6 tipologie di prodotti per pulire l’argento, vediamo come e quando usarli:

  • Le Creme: sono veloci da stendere con la possibilità di scegliere tra lucidatura (comoda per le cornici) o risciacquo sotto l’acqua (perfetta per oggetti che andranno a contatto con il cibo come vassoi da portata, posate, teiere, ecc.); 
  • Le Paste: contengono la maggior percentuale di antiossidante, si stendono con la spugnetta in dotazione e successivamente si devono sempre risciacquare sotto l’acqua, risultano comode per oggetti facilmente risciacquabili come candelabri, vassoi, teiere;
  • I Liquidi ad immersione: perfetti per oggetti molto lavorati, cesellati o per le posate perché non lasciano nessun residuo, presuppongono sempre il risciacquo sotto l’acqua e sono velocissimi nell'applicazione;
  • L’Ovatta: un comodo cotone imbevuto di prodotto pronto all'uso che non lascia residuo nelle parti lavorate o cesellate (come per oggetti d’arredamento, coppe o targhe incise) e successivamente va lucidato con un panno morbido;
  • I Panni o guanti trattati: ideali per il mantenimento dell’argenteria in quanto prolungano la pulizia e ritardano la formazione dell’ossidazione. Non vanno utilizzati su oggetti che successivamente andranno a contatto con il cibo ma principalmente su cornici, candelabri, oggetti d’arredamento;
  • Liquidi o panni di mantenimento specifici per gioielli in argento, da utilizzare su orecchini, bracciali, anelli, collane e che permettono di indossare un argento splendente. In caso di gioielli in argento con pietre consigliamo l’uso del panno di mantenimento. 

C’è molta scelta, per aiutarvi a scegliere il prodotto per le vostre esigenze scriveteci! Potete utilizzare i commenti in basso.

Articolo precedente Come eliminare le tarme in casa
Articolo successivo La guida a pavimenti in legno sempre perfetti

Lascia un commento

Il commento deve essere approvato prima di vederlo pubblicato

* Campi obbligatori